venerdì 30 dicembre 2011

POIEIN

Il giorno di capodanno


Il primo giorno dell’anno
Lo distinguiamo dagli altri
come
se fosse
un cavallino
diverso da tutti
i cavalli.
Gli adorniamo
la fronte
con un nastro,
gli posiamo sul collo sonagli colorati,
e a mezzanotte
lo andiamo a ricevere
come se fosse
un esploratore
che scende da una stella.
La terra accoglierà questo giorno
dorato, grigio, celeste,
lo bagnerà con frecce
di trasparente pioggia
e poi lo avvolgerà
nell’ombra.
Eppure
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell’anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani
a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo.



P. Neruda

giovedì 29 dicembre 2011

senza bisogno di riepiloghi....

Si riceveva, ma il termine è un po’ ampolloso, ogni martedì, con un giro di visite scambievoli che occupava l’intera settimana tolte le domeniche. Era quindi possibile ripigliare il discorso o rinviarne la trattazione al giorno seguente là dove toccava rincontrarsi, senza bisogno di riepiloghi: temi in verità semplici, monotoni. Raramente ne formava oggetto qualcuna di loro, poiché se ne andavano tutte insieme, verso le otto, lanciando dalle scale inintelligibili frasi all’ospite affacciata. Trattavano in generale argomenti di genealogia teoretica, di genealogia pratica, per spiegarsi a vicenda chi era mai la tale, e con chi maritatasi, l’età presunta deduttivamente. 

 Antonio Pizzuto- Si riparano bambole- Bompiani

mercoledì 28 dicembre 2011

Amicizia

Era il 1907 circa .
Il piccolo e rotondo Jules , a Parigi per la prima volta, aveva chiesto all'alto e magro Jim, che conosceva appena, di farlo entrare al Bal des Quat-z' Arts, e Jim gli aveva procurato un invito e l'aveva accompagnato a scegliersi un costume . Fu mentre Jules rovistava con calma tra le stoffe e sceglieva un semplice costume da schiavo, che nacque l'amicizia di Jim per Jules. Si rafforzò poi durante il ballo, in cui Jules se ne stette quieto, con gli occhi sgranati, pieni di humor e di tenerezza.

Henri-Pierre Roché- Jules e Jim- Biblioteca Adelphi

lunedì 17 ottobre 2011

Sapersi...

Si conobbero. Lui conobbe lei e se stesso, perché in verità non s’era mai saputo. E lei conobbe lui e se stessa, perché pur essendosi saputa sempre, mai s’era potuta riconoscere così.
 
Italo Calvino- Il barone rampante-Mondadori

venerdì 14 ottobre 2011

POIEIN

Toccare


Le mie mani
aprono la cortina del tuo essere
ti vestono con altra nudità
scoprono i corpi del tuo corpo
le mie mani
inventano un altro corpo al tuo corpo.




Octavio Paz

giovedì 13 ottobre 2011

La cosa più importante

Non prendere mai alla leggera l'amore. La verità è che la maggior parte della gente non ha mai avuto la fortuna di amar qualcuno. Tu non l'avevi mai avuta sinora, questa fortuna, e ora l'hai. Quello che tu e Maria avete, che duri solo oggi e una parte di domani, o duri tutta una lunga vita è la cosa più importante che può capitare a un essere umano.

E.Hemingway- Per chi suona la campana-Mondadori

mercoledì 12 ottobre 2011

...odore di aria bruciata

Dev’essere stato il fulmine a svegliarmi. Una minaccia di luce passata dietro le palpebre chiuse ha infilato i nervi e li ha percorsi tutti come un circuito elettrico. Sforzo gli occhi abbagliati, vedo la stanza sotto un dolore nuovo. Stanno cadendo lampi a secco, senza pioggia, c’è odore di aria bruciata.


Erri De Luca -Aceto, arcobaleno-Feltrinelli

martedì 11 ottobre 2011

La vita non basta

Certo è che, anche se in scala minore, tutte le finzioni fanno vivere ai lettori "l'impossibile", tirandoli fuori dal loro io individuale, rompendo i confini della loro condizione, e facendo loro condividere, immedesimati con i personaggi dell'illusione, una vita più ricca, più intensa, o più abietta e violenta, o semplicemente differente da quella nella quale sono confinati, in questo carcere di massima sicurezza che è la vita reale.

Le finzioni esistono per questo e grazie a questo. Perché abbiamo una sola vita e i nostri desideri e fantasie esigono di averne mille. Perché l'abisso tra quello che siamo e quello che vorremmo essere doveva essere riempito in qualche modo. Per quello sono nate le finzioni: affinché, in quel modo surrogato, temporaneo, precario e contemporaneamente appassionato e affascinante, come è la vita nella quale ci trasportano, incorporiamo l'impossibile al possibile, e affinché la nostra esistenza sia contemporaneamente realtà e irrealtà, storia e favola, vita concreta e avventura meravigliosa.

M.V.Llosa-La tentazione dell'impossibile-Victor hugo e i miserabili-Scheiwiller

lunedì 10 ottobre 2011

Che dire...

Ora il sonno lo abbandonava più spesso, non una o due bensì quattro, cinque volte la settimana. Che cosa faceva in quei momenti? Non passeggiava a lungo dentro gli arabeschi dell’alba. Non aveva un amico tanto intimo da sopportare il tormento di una telefonata. Cosa dirgli? Era una questione di silenzi, non di parole.


Don De Lillo-Cosmopolis-Einaudi

venerdì 7 ottobre 2011

POIEIN

COMMIATO
 
Tra te e il mio amore si alzeranno
trecento notti come trecento muri
e una magia sarà fra noi e il mare.
 
Non resteranno che ricordi.
O sere che il dolore ha meritato,
notti nella speranza di guardarti,
campi del mio vagare, firmamento
che mentre ammiro perdo …
Definitiva come un marmo
Rattristerà altre sere la tua assenza.
 
J. L. Borges-Fervore di Buenos Aires- a cura di Tommaso Scarano- Adelphi

giovedì 6 ottobre 2011

Non c'è modo di saperlo.

Qualunque relazione tra due persone comporta sempre un sacco di problemi, di forzature e anche di offese ed umiliazioni.Tutti obbligano tutti, non tanto a fare cio che non vogliono, quanto piuttosto a fare cio che non sono certi di volere, perchè quasi nessuno sa cosa non vuole, e meno ancora cosa vuole, questo non c’è modo di saperlo.Se nessuno fosse mai obbligato a fare qualcosa il mondo si paralizzerebbe, tutto resterebbe sospeso in un’incertezza globale e continua, per sempre.La gente vuole solo dormire, i ripensamenti improvvisi ci immobilizzerebberoimmaginare le conseguenze di azioni non ancora compiute è sempre orribile…”

J. Marìas- Un cuore così bianco-Einaudi

mercoledì 5 ottobre 2011

Quando gli piace qualcuno...

E’ una sera urbana di novembre: cadono le ultime foglie, l’erba è una peluria grigia, i cespugli sono secchi, gli alberi spogli: anche la luna appena sorta sembra sentirsi male. Si sente il click dei mocassini di Lenz e il colpo sordo dei vecchi stivaletti da asfaltatore di Green, con la suola nera e spessa. I rumorini di assenso e attenzione di Green : dice che la vita lo ha spezzato, è tutto quello che personalmente ha da dire, Green: la vita l’ha preso a calci in culo. e ora sta cercando di rimettersi in piedi. A Lenz piace Green, e sente sempre quel leggero senso di paura che gli si attacca addosso ogni volta che gli piace qualcuno: è come se qualcosa di terribile stia per succedere da un momento all’altro.


D. F. Wallace-Infinite jest- Einaudi

martedì 4 ottobre 2011

Il senso ulteriore...

«Quella strana convinzione che le vicende che mi capitano abbiano un senso ulteriore, significhino qualcosa; che la vita con le sue vicende racconti qualcosa di sé, ci sveli gradatamente qualche suo segreto, stia davanti a noi come un rebus il cui senso è necessario decifrare, e le vicende che viviamo siano la mitologia della nostra vita e in questa mitologia stia la chiave della verità, e del mistero. Si tratta forse di un inganno? È possibile, è addirittura probabile, ma non riesco a sbarazzarmi del bisogno di decifrare continuamente la mia vita».
 
M. Kundera-Lo scherzo-Adelphi

lunedì 3 ottobre 2011

...tu non smettere mai

.. quando la gente ti dirà che hai sbagliato... e avrai errori dappertutto dietro al schiena, fregatene.
Ricordatene. Devi fregartene. Tutte le bocce di cristallo che hai rotto erano solo vita...
non sono quelli gli errori... quella è vita... e la vita vera magari è proprio quella che si spacca,
quella vita su cento che alla fine si spacca..... io questo l'ho capito, il mondo è pieno di gente
che gira con in tasca le sue piccole biglie di vetro....le sue piccole tristi biglie infrangibili.....
e allora tu non smetterla mai di soffiare nelle tue sfere di cristallo.....
sono belle, a me è piaciuto guardarle, per tutto il tempo che ti sono stato vicino...
ci si vede dentro tanta di quella roba..... é una cosa che ti mette l'allegria addosso..
.non smetterla mai..... e se un giorno scoppieranno anche quella sarà vita,
a modo suo..... meravigliosa vita.

A. Baricco-Castelli di rabbia-Rizzoli

domenica 2 ottobre 2011

sabato 1 ottobre 2011

venerdì 30 settembre 2011

POIEIN

«Per aver mentito tanto si guadagnò un cielo
meschino, da rifare tutti i giorni.
Per aver tradito perfino il tradimento, lo amava
la gente perbene.
Esigeva virtù che non offriva
e sorrideva perché se ne dimenticassero.
Non visse. Lo vivevano, un corpo spietato
e una cagna assetata, Intelligenza.
Per non aver creduto in altro che nella bellezza, fu
un rifiuto tra i rifiuti,
ma guardava ancora il cielo.
E’ morto, per fortuna. Ce ne saranno
altri come lui».
J. Cortàzar-da "Ultimo round".

giovedì 29 settembre 2011

Si lavora nelle tenebre

“Ma, mio caro, pochissime cose giungono a compimento: che cos’è, in genere, la vita, se non una serie di episodi incompleti? Si lavora nelle tenebre, si fa quello che si può, si da quello che si ha. Il dubbio è la nostra passione e la nostra passione è il nostro retaggio… E’ il desiderio di sapere la fine che ci fa credere in Dio, o nella magia; credere almeno in qualcosa.”
 
T. Capote- Altre voci altre stanze-Garzanti

mercoledì 28 settembre 2011

Che siano...

«Non mi sembra inverosimile che in un certo scaffale dell’universo esista un libro totale; prego gli dèi ignoti che un uomo — uno solo, e sia pure da migliaia d’anni! — l’abbia trovato e l’abbia letto. Se l’onore e la sapienza e la felicità non sono per me, che siano per altri. Che il cielo esista, anche se il mio posto è all’inferno. Ch’io sia oltraggiato e annientato, ma che un istante, in un essere, la Tua enorme Biblioteca si giustifichi».

Jorge Luis Borges- La biblioteca di Babele-Mondadori

martedì 27 settembre 2011

Spietate analisi

La cosa più usuale a questo mondo, in questi tempi in cui tentenniamo alla cieca, è di scontrarci, svoltando l'angolo più vicino, con uomìni e donne nella maturità dell'esistenza e della prosperità, i quali, essendo stati ai diciott'anni, non solo le ridenti primavere dello stile, ma anche, e forse soprattutto, esuberanti rivoluzionari decisi a rovesciare il sistema dei padri e metterci al suo posto il paradiso, beh, della fraternità, si ritrovano ora, con una fermezza per lo meno uguale, impoltroniti in convinzioni e prassi che, dopo essere passate, per riscaldare e rendere più flessibili i muscoli, per una delle tante versioni  del conservatorismo moderato, hanno finito per sfociare nel più sfrenato e reazionario egoismo. In parole non tanto cerimoniose, questi uomini e queste donne, davanti allo specchio della propria vita, sputano tutti i giorni sulla faccia di quel che sono stati lo scaracchio di ciò che sono".


J.Saramago-Saggio sulla lucidità-Einaudi

lunedì 26 settembre 2011

Dignitosi e lucidi

Se dovessi rapinare la banca più sorvegliata d’Europa e potessi scegliere liberamente i miei compagni di malefatte, sceglierei senza dubbio un gruppo di cinque poeti. Cinque poeti veri, apollinei o dionisiaci, non importa, ma veri, vale a dire con un destino da poeti e una vita da poeti. Nessuno al mondo è più coraggioso di loro. Nessuno al mondo sa affrontare il disastro con più dignità e lucidità. Sono dei deboli, all’apparenza, lettori di Guido Cavalcanti e Arnaut Daniel, lettori del disertore Archiloco che attraversò un campo d’ossa, e lavorano nel vuoto della parola, come astronauti perduti su pianeti senza via di scampo, in un deserto dove non ci sono lettori né editori, solo costruzioni verbali o canzoni idiote cantate non da uomini ma da fantasmi.


R. Bolano- Tra parentesi-Adelphi

venerdì 23 settembre 2011

POIEIN

E. Schiele-Donna seduta
So solo quello che mi basta a stento
Per non sprecare i battiti del cuore
Perchè saper, sappilo, è un tormento:
è sempre chi più sa che ha più dolore.


Patrizia Valduga-Cento quartine-Einaudi





giovedì 22 settembre 2011

Quella laggiù...

Quella laggiù, dunque, quel vasto presepio di luci sparse tra macchie d'alberi dalle colline al mare, quell'immota distesa d'acqua nel grembo tra edifici e monti, in cui il Vesuvio verberava fuochi e le case barbagli d'oro vecchio, era Napoli. Provò impulso tenero. Così, senza motivi.

 

E. Striano- Il resto di niente-Avigliano

mercoledì 21 settembre 2011

...rivelano un uomo

Mille cose rivelano un uomo: il passo e l'intercalare, come mastica il cibo, come annoda il laccio delle scarpe, la maniera di impugnare la paletta nel gioco del ping pong e la posizione abituale nel dormire. Una debolezza, una compiacenza, un risentimento ci appaiono contraddittori quando è ancora incompleta la conoscenza che noi abbiamo dell'individuo, o che l'individuo ha di se stesso, in realtà essi sono sempre logici e naturali, come il grano che seminato fiorisce, sulla buona terra.

 

V. Pratolini-Cronaca familiare-Mondadori

martedì 20 settembre 2011

...quel silenzio

…Era stato un giorno di troppe parole, dette, gridate, ascoltate, lette, scritte, decifrate, e quel silenzio veniva come un soave soffio di piume. Immaginavo vagamente un remoto impiegato dell’ONU che in questi istanti, cravatta slacciata, stanco quanto noi, registrava il nostro appello a New York. Cosa ne avrebbe fatto? Dove lo avrebbe messo? In archivio? …Non ne seppi più niente, in ogni caso, e non ne parlai mai più con Einaudi e Bollati. Entrambi molto orgogliosi, ipersuscettibili alla magre figure, così senza dubbio se la mettevano: una figuraccia (anzi meno ancora, uno stupido intoppo) da dimenticare alla svelta, da rimuovere, operazione del resto facile dato che ne eravamo al corrente soltanto noi tre. Niente pubblico, niente figuraccia. 

 

 C. Fruttero-Mutandine di chiffon, memorie retribuite-Mondadori

lunedì 19 settembre 2011

Ma bisogna scegliere: o vivere o raccontare.

  • Ma bisogna scegliere: o vivere o raccontare. Per esempio quando ero ad Amburgo con quell'Erna di cui non mi fidavo e che aveva paura di me, menavo un'esistenza strana. Ma c'ero dentro, e non ci pensavo. Poi, una sera, in un piccolo caffè di San Pauli, ella mi lasciò per andare al lavabo, ed io rimasi solo. C'era un fonografo che suonava Blue Sky. Mi misi a raccontarmi quello ch'era avvenuto al mio sbarco. Mi dissi: “La terza sera, mentre entravo in un dancing chiamato la Grotta Azzurra, ho notato un pezzo di donna mezzo ubriaca. E quella donna è quella che attendo in questo momento, mentre ascolto Blue Sky, e che sta per tornare a sedersi alla mia destra e circondarmi il collo con le sue braccia”. Allora ho sentito acutamente che avevo un'avventura. Ma Erna è tornata, mi si è seduta accanto, m'ha circondato il collo con le braccia ed io l'ho detestata, senza saper bene il perché. Lo capisco ora: bisognava ricominciare a vivere e l'impressione dell'avventura era svanita.
    Quando si vive non accade nulla. Le scene cambiano, le persone entrano ed escono, ecco tutto. Non vi è mai un inizio. I giorni si aggiungono ai giorni, senza capo né coda, è un'addizione interminabile e monotona.


    J. P. Sartre-La Nausea- Mondadori

venerdì 16 settembre 2011

giovedì 15 settembre 2011

Lo sanno tutti.

Il vino parla.Lo sanno tutti. Guardati in giro.Chiedilo all'indovina all'angolo della strada, all'ospite che non è stato invitato alla festa di nozze,allo scemo del villaggio.Parla.E' ventriloquo.Ha un milione di voci.Scioglie la lingua, svela i segreti che non avresti mai voluto raccontare,segreti che non sapevi nemmeno di conoscere.Grida,declama,sussurra.Racconta grandi cose,progetti meravigliosi,amori tragici e tradimenti terribili.Ride a crepapelle.Soffoca piano una risata tra sé.Piange per i suoi stessi pensieri.Riporta alla mente estati di molto tempo fa e ricordi che è meglio dimenticare.

J.Harris-Vino, patate e mele rosse-Garzanti

mercoledì 14 settembre 2011

Non ha bisogno d'altro...

Avevo un posto da spedizioniere in un magazzino di ricambi per auto, e la paga bastava sì e no. Le mie uniche gioie erano mangiare, bere birra e andare a letto con Sarah. Non quel che si dice una gran vita, ma tocca accontentarsi. Sarah era bona. Tutto in lei parlava di sesso. L'avevo conosciuta a un party, sotto Natale, pei dipendenti del magazzino. Lei lavorava là da segretaria. Notai che nessuno le andava vicino, alla festa, e non riuscivo a capire perché. Non avevo mai visto una donna più sexy, e non è che facesse la stronza. Mi feci avanti, ci mettemmo a chiacchierare. Bellissima, era. Ma ci aveva un nonsoché di strano, negli occhi. Ti guardavano fisso fisso, senza battere le palpebre. Quando andò alla toilette, presi in disparte Harry il camionista.

"Di' un po', Harry," gli feci, "come va che nessuno si fa sotto, con Sarah?"

"E' una strega, amico mio, una vera strega."

"Ma le streghe non esistono, Harry. E' stato dimostrato. Quelle povere donne che mettevano al rogo ai tempi antichi, si trattava di un errore tremendo e crudele. Non esiste, la strega, né roba del genere."

"Magari, avranno bruciato un mucchio di donne ingiustamente, questo non lo so. Ma 'sta strega è 'na strega, dammi retta."

"Non ha bisogno d'altro, Harry, che di comprensione."

"Non ha bisogno d'altro," disse Harry, "che d'una vittima." 


C.Bukowski-Storie di ordinaria follia-Feltrinelli

lunedì 12 settembre 2011

...alla prima svolta.

Tutta la vicenda rafforzava in me quell'oscuro sentimento della vita come uno spreco di giorni, che, affiorando appena alla coscienza, m'aveva condotto a sbaraccare la mia comoda cuccetta, ad allontanarmi da compagni graditi, per sfuggire alla minaccia di vuotezza... e ritrovarmi l'inanità davanti alla prima svolta.

J.Conrad-La linea d'ombra-Einaudi

...qualche volto, qualche voce

Quello che ci circonda diventa parte di noi stessi, si infiltra in noi nella sensazione della carne e della vita e, quale bava del grande Ragno, ci unisce in modo sottile a ciò che è prossimo, imprigionandoci in un letto lieve di morte lenta dove dondoliamo al vento. Tutto è noi e noi siamo tutto; ma a che serve questo, se tutto è niente? Un raggio di sole, una nuvola il cui passaggio è rivelato da un’improvvisa ombra, una brezza che si leva, il silenzio che segue quando essa cessa, qualche volto, qualche voce, il riso casuale fra le voci che parlano: e poi la notte nella quale emergono senza senso i geroglifici infranti delle stelle.

F. Pessoa-Il libro dell'inquietudine-Feltrinelli

venerdì 9 settembre 2011

POIEIN

UNA FORGIA E UNA FALCE


Un minuto fa avevo le finestre aperte
e c’era il sole. Tiepide brezze
attraversavano la stanza.
(L’ho scritto anche in una lettera.)
Poi, sotto i miei occhi, si è fatto buio.
Il mare ha cominciato a incresparsi
e le barche da diporto che erano a pesca
hanno virato e sono rientrate, una flottiglia.
Il tintinnabolo sotto al portico è caduto
di colpo sotto una raffica. le cime degli alberi
tremavano. Il tubo della stufa cigolava e sbatteva
trattenuto dai tiranti.
Ho detto: "Una forgia e una falce”.
Certe volte parlo da solo, così.
Nomino certe cose:
argano, gomna limo, foglia, fornace.
Il tuo volto, la tua bocca, le tue spalle
ora sono per me inconcepibili!
Che fine hanno fatto? E’come se
li avessi sognati. I sassi che abbiamo portato
a casa dalla spiaggia se ne stanno lì
sul davanzale a raffreddarsi.
Torna a casa. Mi senti?
I miei polmoni sono pieni del fumo
della tua assenza.

R. Carver

giovedì 8 settembre 2011

Si attecchisce meglio dimenticando da dove si proviene.

Dice la leggenda che un angelo cancella al neonato il ricordo di quello che ha saputo in grembo. C'è da svuotare il sacco prima di nascere. I bambini dentro la placenta sanno tutto il passato, le lingue, le avventure, pericoli e mestieri. il loro scheletro è diventato pesce, rettile, uccello prima di fermarsi all'ultima stazione. Lo sforzo di espulsione dal corpo della madre serve a dimenticare. La rottura delle acque apre il varco che subito dietro si richiude, dopo il tuffo nel vuoto. Così è il mondo per chi viene da un grembo. Il salto nell'asciutto produce azzeramento di tutta la sapienza accumulata nel sacco di placenta. Si attecchisce meglio dimenticando da dove si proviene.


E. De Luca-E disse-Feltrinelli

mercoledì 7 settembre 2011

Perchè no...

Nella scrittura c'è un che di impegnativo, un maggior giudizio su se stessi, vi si aggiungerà una forma. Inoltre: forse lo scrivere mi darà davvero sollievo. Oggi, per esempio, mi opprime particolarmente un antico ricordo. Mi è tornato chiaramente alla memoria già alcuni giorni fa e da allora è rimasto con me, come un fastidioso motivo musicale che non vuol lasciarti in pace. Eppure bisogna sbarazzarsene. Di simili ricordi ne ho a centinaia; ma di tanto in tanto dal centinaio se ne stacca uno e mi opprime. Per qualche motivo credo che, se lo annoterò, mi lascerà in pace. E perché non provare?

 F. Dostoevskij-Memorie dal sottosuolo-Garzanti

martedì 6 settembre 2011

Questa annulla tutte le precedenti.

Una speranza si costruì una casa e sulla pietra d'entrata fece incidere la scritta:"Benvenuti coloro che giungono a questa soglia".
Un fama si costruì una casa e non fece incidere niente.
Un cronopio si costruì una casa e,fedele alla tradizione, sistemo nel portico una serie di lastre che comprò e che fece intagliare appositamente. La sistemazione delle pietre era stata studiata in modo che le si potesse leggere una dopo l'altra. La prima diceva:"Benvenuti coloro che giungono a questa soglia": La seconda diceva:"La casa è piccola,ma il cuore grande": La terza diceva:"L'ospite è il calore del focolare": La quarta diceva: "Quel che è mio è tuo". La quinta diceva:"Questa annulla tutte le precedenti. Fila via,bastardo".


 J.Cortazàr- Storie di cronopios e di famas-Einaudi

lunedì 5 settembre 2011

...l'ha mandata san Gennaro

Perché uno per tutta la vita vorrebbe essere ragazzo, mica uno scherzo invecchiare. Non credo proprio. Comunque, bisogna pur sbrigarla la pratica dell’esistenza. A forza di derapate lente.
Niente, io sono uno di quelli che, per ingordi di etichette deficienti, viene definito “un cantante da night”. Però io non sono un’etichetta. Io sono un uomo. Ma che dire, col senno di poi, non era meglio essere un’etichetta?
Mi sconfinfero in questo lussuoso camerino grande quanto il salone della mia casa napoletana, con questi velluti rossi che mi stonano l’esistenza, mentre aspetto di tenere il concerto più importante di questa mia sontuosa carriera che, tutti lo sanno, ho costruito pezzetto pezzetto. Mi inginocchio e cerco di arginare l’acqua minerale che scalpita per risalire dallo stomaco al catino, segno della croce, mani congiunte, grassocce e farcite di anelli d’oro. I palmi si attaccano come calamite sudaticce. Sono fradicio di me stesso, adesso.
Prego, spodestando i lontani ricordi della prima comunione, ma niente, neanche un modesto Pater Noster. D’altro canto, la cocaina, se te la fai per lungo tempo tutti i santi giorni, te la massacra la memoria, altro che, e non solo quella. E io la coca me la prendo allegramente, senza tregua, da vent’anni. Poi ti racconti che non è così, nel quartiere della mente consideri la memoria un reduce resistente, aggredisci l’evidenza, è calata la suggestione, un sipario di polvere. Lo stupore, anche, ma sono bagliori rallentati. Il fetore della novità, ad un tratto.
È così che ti cominciano dei dolori atroci, succhi ai limiti e ti ritrovi distrattamente davanti, moscia e genuflessa, la tua anima. Questo monumento invisibile.
Ma mica la cavi fuori così una preghierina, macché, però mi ricordo una frase che dissi una volta ad una giornalista con le tette non c’è male:
“Se a Sinatra la voce l’ha mandata il Signore, allora a me, più modestamente, l’ha mandata san Gennaro”, questo dissi. A quei tempi ero in vena di presunzioni a macchia di leopardo. E se mi va bene questo concerto lo posso essere anche adesso un bel presuntuoso.


Paolo Sorrentino-Hanno tutti ragione-Feltrinelli

venerdì 2 settembre 2011

La maniera giusta...


POIEIN

Donna con l'onda-Gustave Courbet
E Dio mi fece donna.



E Dio mi fece donna,
con capelli lunghi,
occhi,
naso e bocca di donna.
Con curve
e pieghe
e dolci avvallamenti
e mi ha scavato dentro,
mi ha reso fabbrica di esseri umani.
Ha intessuto delicatamente i miei nervi
e bilanciato con cura
il numero dei miei ormoni.
Ha composto il mio sangue
e lo ha iniettato in me
perché irrigasse tutto il mio corpo;
nacquero così le idee,
i sogni,
l’istinto
Tutto quel che ha creato soavemente
a colpi di mantice
e di trapano d’amore,
le mille e una cosa che mi fanno donna
ogni giorno
per cui mi alzo orgogliosa
tutte le mattine
e benedico il mio sesso.


Gioconda Belli

giovedì 1 settembre 2011

La cosa più bella...

Per prendere confidenza con una città straniera
è necessario disporre di un luogo appartato,

un luogo su cui si può contare e dove si può restare soli

quando la confusione delle voci nuove e incomprensibili diventa troppo grande.

Questo luogo ha da essere tranquillo e silenzioso,

nessuno deve vederci quando in esso cerchiamo riparo,

e neanche quando poi decidiamo di lasciarlo.

La cosa più bella è sparire in un vicolo senza uscita,

fermarsi davanti a un portone
di cui si ha la chiave in tasca,

e aprirlo senza che anima viva ci possa sentire.
Si entra nel fresco della casa
e ci si chiude la porta alle spalle.


Elias Canetti- Le voci di Marrakech-Gli Adelphi

mercoledì 31 agosto 2011

Come una fame...

“Leggere a me non servì soltanto da risorsa conoscitiva, utile a esplorare il fondo del mio pozzo buio, il più che potessi del lontanissimo cielo: significò soprattutto mangiare, saziare una mia fame degli altri e delle loro vite veridiche o immaginarie: dunque fu in qualche modo una pratica cannibalesca. Come il comunicando, quaerens quem devoret, cerca e mangia nell’ostia il suo dio, io mangiavo nei libri il mondo, la vita, gli uomini, la visione e la storia; mangiavo, autofagicamente, me stesso.



G. Bufalino-Leggere, vizio punito-Cere perse (1982-85)


martedì 30 agosto 2011

venerdì 29 luglio 2011

POIEIN

Maniera



Accosto la fronte alla tua, si toccano,
dico: «È una frontiera».
Fronte a fronte: frontiera,
mio scherzo desolato, ci sorridi.
Col naso ci riprovo, tocco il naso,
per una tenerezza da canile:
«E questa è una nasiera», dico
per risentire casomai
un secondo sorriso, che non c'è.
Poi tu metti la mano sulla mia
e io resto indietro di un respiro.
«E questa è una maniera», mi dici.
«Di lasciarsi?», ti chiedo. «Sì, così».



Erri De Luca-L'ospite incallito-Einaudi

giovedì 28 luglio 2011

La musica è...

Il mio primo ricordo della felicità, quando ero una mocciosa tutta ossa dai capelli arruffati, è muovermi al ritmo dei tamburi, e questa è anche la mia più recente felicità, perché ieri sera sono stata nella piazza del Congo a ballare e ballare, senza pensieri nella testa, e oggi il mio corpo è caldo e stanco.La musica è un vento che si trascina via gli anni, i ricordi e la paura, quell'animale acquattato che mi porto dentro.

 

I. Allende- L'isola sotto il mare-Feltrinelli

mercoledì 27 luglio 2011

...a questo mondo

Seduto al fianco d'una giovane donna, che all'alba pareva così bella, calmato e incantato dalla vista di quell'ambiente fiabesco - il mare, le nuvole, il vasto cielo - Gurov pensava come, in fondo, se si riflette, tutto è bellissimo a questo mondo, tutto, fuorché ciò che noi pensiamo e facciamo, quando ci dimentichiamo dei supremi fini dell'esistenza e della nostra dignità umana. Si avvicinò un uomo, - probabilmente un guardiano, - li guardò e se ne andò. E questo particolare parve così misterioso e bello anch'esso. 
 
A.Cechov-La signora col cagnolino e altri racconti- Editori riuniti

martedì 26 luglio 2011

...come l'agosto

Tu non t'immagini neppure come possono finire all'improvviso certi agosti che sbattono contro un settembre anticipato, come un'automobile finita contro un albero, e si accartocciano, si afflosciano come una fisarmonica che perde fiato. Tanta arroganza per le canicole dell'Assunta o quando il cielo notturno fra i fuochi d'artificio di San Lorenzo e i sensi sembrano così pieni e la vita una caverna dalle volte altissime, invece quattro gocce di pioggia, il tempo di un coriandolo e un giorno solo si inghiotte quel mese turgido e tronfio... Anche la vita è così, come l'agosto, ti accorgi che è scaduta dal dire al fare, quando non te lo aspettavi proprio, l'elastico si è ritirato e non si allungherà mai più...


Antonio Tabucchi-Tristano muore-Feltrinelli

lunedì 25 luglio 2011

Letteralmente...

Per tutto il giorno Orah aveva aspettato che tornasse, che stesse con lei, che le parlasse, l'ascoltasse come se ogni sua parola fosse importantissima per lui. Aveva avuto nostalgia delle sue carezze sui capelli e sul collo, delle sue dita morbide, ipnotizzanti. Come quelle di una ragazza, pensò, o di un bimbo appena nato. Tra accessi di febbre e brividi e incubi, nei pochi momenti di lucidità Orah tentava di ricostruire le notte trascorse con Avram e scopriva di aver dimenticato quasi tutto ciò che era successo ma non lui, anche se non lo ricordava proprio bene, non come qualcuno che aveva visto e conosceva veramente, persino il suo volto non si componeva in un ritratto unico ma si alterava e cambiava forma di continuo e talvolta si spezzettava in immagini diverse e ciò che rimaneva, alla fine, era il calore costante che si sprigionava da lui, senza il quale lei aveva freddo, si sentiva gelare, letteralmente.


D. Grossman- A un cerbiatto somiglia il mio amore- Mondadori

domenica 24 luglio 2011

venerdì 22 luglio 2011

POIEIN

Il Cuore che ride

la tua vita è la tua vita.
non lasciare che le batoste la sbattano nella cantina dell’arrendevolezza.
stai in guardia.
ci sono delle uscite.
da qualche parte c’è luce.
forse non sarà una gran luce ma la vince sulle tenebre.
stai in guardia.
gli dei ti offriranno delle occasioni.
riconoscile, afferrale.
non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in vita, qualche volta.
e più impari a farlo di frequente, più luce ci sarà.
la tua vita è la tua vita.
sappilo finché ce l’hai.

tu sei meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski








giovedì 21 luglio 2011

...senza capire

Venne da me contro la sua vita, contro la sua casa, le stanze precedenti, gli amici chiusi a coppie in serate di mezz'età, un marito già pronto e inginocchiato in chiesa. Contro la sua vita: quanto poteva durare, un mese? Durò un anno, uno intero contro gli altri passati e tutti quelli a seguire, un anno per gridare esultando d'improvviso per una felicità di carne spalancata. stringevo senza capire: amore? Lo chiamavamo in fretta di sfuggita, solamente 'more, crampo di poche parole, avido d'altro. Tornavo dal lavoro e poi ci seguivamo in ogni stanza, solo per starsi al fianco in ogni soprappensiero, anche leggendo, studiando io qualcosa di lingue remote accarezzate per bisogno di crescere.


Erri de Luca-In alto a sinistra-Feltrinelli

mercoledì 20 luglio 2011

...non gli si deve dire

"Ma avere un cuore da bambino non è una vergogna. È un onore. Un uomo deve comportarsi da uomo. Deve sempre combattere, preferibilmente e saggiamente, con le probabilità a suo favore, ma in caso di necessità deve combattere anche contro qualunque probabilità e senza preoccuparsi dell'esito. Deve seguire i propri usi e le proprie leggi tribali, e quando non può, deve accettare la punizione prevista da queste leggi. Ma non gli si deve dire come un rimprovero che ha conservato un cuore da bambino, un'onestà da bambino, una freschezza e una nobiltà da bambino". 
E. Hemingway-Vero all'alba-Mondadori

martedì 19 luglio 2011

...qualcosa d'antico

Le scale per lui, a ogni piano, erano un ricordo, un' emozione, qualcosa d' antico e impalpabile, qualcosa che palpitava chissà dove, alla fiamma vacillante della memoria: un gesto, un profumo, un rumore, un luccichìo, una giovane donna che cantava arie d' opera accompagnandosi al piano, un ticchettìo maldestro di macchine per scrivere, un odore tenace di cresile, un clamore, un grido, un frastuono, un fruscìo di sete e pellicce, un miagolìo lamentoso dietro una porta, dei colpi contro le pareti, dei tanghi suonati e risuonati su fonografi sibilanti o, al sesto a destra, il ronzìo ostinato della sega a due tempi di Gaspard Winckler cui, tre piani più in basso, al terzo a sinistra, rispondeva ormai solo un silenzio insopportabile.



Georges Perec - La vita istruzioni per l' uso-Bur

lunedì 18 luglio 2011

L'odore della notte

«La voce della notte – insetti, quello che fossero – lo aveva seguito in casa; capì d'un tratto che era la frizione della terra sul suo asse mentre si avvicinava il momento in cui doveva decidere se continuare a girare oppure rimanere ferma per sempre: una palla immobile nello spazio raggelante attraverso il quale, come fumo gelido, si avvitava uno spesso odore di caprifoglio».
 
W.Faulkner-Santuario-Adelphi

venerdì 15 luglio 2011

POIEIN

Intimità

 

In fondo alla miniera più segreta,
all' interno del frutto più distante,
nel vibrare della nota più discreta,
nella conchiglia più ritorta e risonante,
nello strato più denso di pittura
nella vena che nel corpo più ci sonda,
nella parola che dica più dolcezza,
nella radice che più scende, più nasconde,
nel silenzio più fondo della pausa
in cui la vita si è fatta eternità,
nel silenzio più fondo della pausa
in cui la vita si è fatta eternità,
cerco la tua mano, decifro la causa
di non credere e volere, infine, intimità.


Josè Saramago 

giovedì 14 luglio 2011

...qualcosa che hai dentro

 ‎...Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l'andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra col dio della morte prima dell'alba. Perchè quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. E' qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu.



Murakami Haruki- Kafka sulla spiaggia- Einaudi